• Studio WebAlive

Mascherine chirurgiche contraffatte: un fenomeno che non accenna a fermarsi




Continuano i maxi sequestri delle autorità competenti riguardo a mascherine chirurgiche contraffatte importate dall'estero e vendute come certificate e correttamente funzionanti. L'ultima inchiesta ha visto coinvolto anche l'ex Commissario all' emergenza Covid Domenico Arcuri, la cui struttura commissariale ospitava stoccate ben 65 milioni di mascherine e termometri non a norma. Ma sono ben più di 250 milioni i dispositivi che durante i mesi della pandemia sono stati distribuiti a tutti i cittadini e che risultano avere una capacità filtrante ben 10 volte inferiore alla norme. Molte di esse sono state distribuite in primis a personale e strutture sanitarie.

Sono 12 i modelli di mascherina chirurgica monouso non a norma denunciate. Le Asl stanno già provvedendo al controllo delle mascherine per cercare di risalire a quelle appartenenti ai lotti incriminati.


I numeri, insomma, non accennano a diminuire e purtroppo i traffici criminali che utilizzano la pandemia come fonte di guadagno non si fermano neanche in questa fase di ripartenza. Questo giro d'affari che può raggiungere cifre di milioni di Euro ha conseguenze ben pesanti sulla protezione e la salute dei cittadini visto che una mascherina contraffatta non offre la protezione adeguata e mette a rischio milioni di persone di contrarre il Virus.

Ricordiamo che per essere sicuri di acquistare mascherine non contraffatte bisogna sempre tenere in considerazione la provenienza del prodotto, le relative certificazioni e la qualità del rivenditore. Non fidarsi di aziende produttrici dal nome dubbio, infatti, è senz'altro importante. Il prezzo inoltre, se troppo inferiore alla media, può essere un altro campanello di allarme di un prodotto sospetto.


FTR Srl è un'azienda di produttrice di mascherine chirurgiche Como di qualità certificata Made in Italy a cui già tantissimi privati ed aziende si sono affidati per acquistare dispositivi di protezione da Covid - 19.